Menu

Decreto Balduzzi e norme sulla pubblicità: "fine dei giochi"

  • Scritto da David Bet

La pubblicità sul gioco è al centro dell’attenzione politica e mediatica degli ultimi tempi. Il decreto Balduzzi, infatti, contiene nuove misure che riguardano proprio la regolamentazione della comunicazione promozionale del gioco. Ecco cosa prevede e cosa cambierà da Gennaio 2013. 

bonus scommesse unibet.it

Se ne parlava già da tempo, di un inasprimento della legislazione italiana riguardante la pubblicità del gioco d’azzardo. Le nuove norme sul gioco del decreto Balduzzi che andranno in vigore dal 1 gennaio 2013 sono una vera e propria mannaia per il comparto giochi.

Tali norme infatti prevedono una stretta della pubblicità sul gioco oltre che su giornali, riviste e trasmissioni televisive e radiofoniche anche via internet per quei siti, blog e pagine che mandano messaggi pubblicitari che incitano al gioco. Sono previste sanzioni da 100.000 a 500.000 euro per coloro che violano queste disposizioni.

Le schedine di gioco, inoltre, dovranno  riportare avvertimenti sul rischio di dipendenza, e le probabilità di vincita. Qualora lo spazio sulla schedina non sia sufficiente, dovrà essere riportato il richiamo  alle note informative.

AAMS si è affrettata a dichiarare che queste norme non influiranno negativamente sul settore ma a quanto pare il malcontento, soprattutto di quelle compagnie che hanno pagato profumatamente le licenze AAMS, è già diffuso.

Come potranno farsi riconoscere questi operatori se non potranno comprare spazi pubblicitari su qualsiasi mezzo di comunicazione? E i consumatori? Come potranno riconoscere un sito affidabile da uno non affidabile se non vi saranno più siti di informazione come il nostro a consigliare/giudicare i siti di poker, scommesse e casino?

Certo, bisogna contrastare il fenomeno della ludopatia, delle pubblicità ingannevoli e da coloro che spacciano il gioco come metodo facile per arricchirsi e cambiare la propra vita. Su questo non c'è dubbio...

Il problema è che, a pensarci bene, ci viene in mente una sola pubblicità che prospettava vincite facili, cospicue e sicure. Eccola:



Visto? E avete fatto caso a chi appartiene questa pubblicità? Ai gratta e vinci di Lottomatica, azienda concessionaria esclusiva dello Stato Italiano che gestisce dal 1993 il "Lotto" e dal 2004 le lotterie Istantanee e Differite.

Insomma, ancora una volta l'unico che inganna i cittadini italiani è lo Stato italiano.
Ma facciano pure, facciano! Quando si accorgeranno che il gettito erariale dal settore giochi si ridurrà ai minimi storici o che le scommesse clandestine riprenderanno a fiorire, torneranno sui loro passi.. come al solito.

In un paese in cui gli stupidi fanno carriera e gli intelligenti espatriano c'è da aspettarsi questo e molto altro..

Bonus Casino MyBet.it

{mos_fb_discuss:22}

CONDIVIDI CON I TUOI AMICI!
Condividi questo articolo, scegli il tuo social network preferito!